Raffaello Franchini, quando il “giudizio” è garanzia di libertà